NEWS

 
 
 

ACCORSIARTE ARTISTI A VENEZIA 2018
ESPONI GRATUITAMENTE LA TUA OPERA A VENEZIA IN GALLERIA IN OCCASIONE DELLA BIENNALE DI ARCHITETTURA 2018
 
SELEZIONI VENEZIA –
Grazie alla forte affluenza del richiamo della Biennale di Architettura 2018 ,dove arte, design e architettura invadono le calli e i sestrieri veneziani , la Galleria AccorsiArte invita ad esporre all’interno dei suoi spazi 1 opera in forma del tutto gratuita .
LUOGO ESPOSITIVO
Galleria Accorsi Arte CASTELLO – ARSENALE Calle dei Forni 2265 – fermata vaporetto ARSENALE
 
REGOLAMENTO
La selezione è aperta a tutti gli artisti che si occupano di arte contemporanea, pittura, scultura, fotografia, arte digitale, installazioni, video arte, performance.
Le opere saranno attentamente valutate e selezionate nella ricerca, nella qualità e nella loro innovazione.
 
Per partecipare alla selezione allegare le immagini del proprio lavoro con dettagli di titolo, tecnica e dimensione
( VEDERE DI SEGUITO LE DIMENSIONI MASSIME DA REGOLAMENTO )
 
PERIODO ESPOSITIVO
La Mostra si terrà dal giorno 16 al giorno 26 Giugno 2018 ( in concomitanza alla Biennale di architettura )
DETTAGLI OPERE
L’Artista selezionato potrà esporre 1 opera di dimensione massima 50 x 70 cm. , le sculture dovranno avere dimensione max di cm. 50 x 30 x 30 .
Misure diverse per quadri o sculture sono da esaminare .
CATALOGO CARTACEO
L’Esposizione prevede il solo costo dell’acquisto di almeno 1 copia del catalogo cartaceo redatto e consegnato ad ogni artista a fine Biennale ( che avverrà nel mese di dicembre 2018 ) L’artista selezionato avrà una pagina del catalogo dedicata.
Il costo del catalogo è pari a 50 euro per una copia ( da scontarsi per l’acquisto di più copie ) da versare all’accordo di partecipazione .
Il catalogo sarà in pagina lucida e di bella qualità.
La Galleria resta a disposizione per domande e selezioni allegare l’immagine dell’opera che si desidera proporre con dettaglio di titolo, tecnica e misure o più opere tra cui scegliere e
scrivere a : accorsiarte@gmail.com
 
Grazie
www.accorsiarte.com
 
 
 
 
https://youtu.be/ITj7Xo-tI1U
LORENZO BARBERIS
 
 
https://youtu.be/zryRfEsSy_Y
FILMATO FOTOGRAFICO ARTISTI 800 – 900
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Il coach mentale è una figura professionale in grado di allenare e sviluppare le potenzialità della mentedelle persone attraverso un programma d’allenamento per obbiettivi. Per avere successo in qualsiasi ambito della nostra vita occorre sviluppare la nostra mente per controllare gli stati emotivi e di stress.

DETTAGLI

L’Artista è libero di scegliere di seguire tutti i processi o sceglierne solo una parte .

Incontro Prima Fase – abbattimento sovrastrutture mentali – durata 3 ore con pausa di mezz’ora . Il corso sarà tenuta da Maralba Focone con la quota di Euro 50

Nella quota è inclusa la tessera Associativa AccorsiArte Arci .

Date disponibili previa prenotazione

09 Marzo dalle ore 19 alle ore 22

10 Marzo dalle ore 17 alle ore 20

Incontro di Yoga della Risata

Durata 1 h tenuto dal Maestro Fabio Antonacci

Euro 30 se si sceglie di partecipare ad un incontro mensile

Euro 50 se si sceglie di parteciapere a due incontri mensili

23 Marzo dalle ore 19 alle ore 20

24 Marzo dalle ore 18 alle ore 19

Terza fase – Incontro Coach mentale

dettagli da date da definire – periodo Giugno 2018 prima metà

Euro 150

La partecipazione agli incontri è previa prenotazione dalle ore 15 alle ore 19 presso la sede AccorsiArte di Via Fratelli Calandra 9 – Torino , dal Martedì al Venerdì , il Sabato dalle ore 11.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.00 

via mail o telefono :

accorsiarte@gmail.com

3420929640

www.accorsiarte.com

Che cos’è lo Yoga della Risata (YdR)?

Lo YdR è un esercizio unico che combina la risata incondizionata con il Pranayama, ovvero l’antica scienza di respirazione yogica.

Attraverso dei semplici esercizi atti a si stimolare la risata, sia andrà ad influenzare il corpo, la mente, le nostre emozioni, oltre a toccare la nostra sfera della creatività e giocosità.

È una pratica che negli ultimi anni è costantemente in sviluppo e praticata in vari settori: dalle aziende, gli ospedali, le scuole, centri artistici, ecc.

Quando tu ridi, tu cambi. Quando tu cambi, tutto il mondo intorno cambia” (M.Kataria – fondatore dello YdR)

 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
———————————————————————————-
 
 
 
 
 

La AccorsiArte con sede a Torino e Venezia tratta Arte emergente e di chiara fama, 

Specializzata in arredo , collocazione e posizionamento di oggetti d’Arte

Specializzata in arredo , collocazione e posizionamento di oggetti d’Arte attraverso l’applicazione del  Feng Shui

Per la tua casa o  ufficio vieni a trovarci per scegliere fra le molte proposte artistiche ,di arredo artistico,  di design e di gioielli d’Arte . Dall’Antico al moderno possiamo soddisfarvi , per investimento o piacere saremo in grado di fare molte proposte . Passa in Via Fratelli Calandra 9 a Torino e chiedi il nostro consiglio per un regalo unico , ti faremo anche un preventivo personalizzato per la collocazione perfetta per il tuo acquisto . 

AccorsiArte 

accorsiarte@gmail.com

3420929640

www.accorsiarte.com

 
 
 
 
 
 
PIETRO CANONICA 
Da AccorsiArte – Torino 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
——————————————————————————————————-
 
 
CALENDARIO EVENTI 2018 
 
La AccorsiArte con sede a Torino ,  Londra e Venezia , seleziona artisti per: 
 
Torino – dal 10 al 24 Febbraio 2018 mostra collettiva e/o  personale in concomitanza 
al periodo  San Valentino 
VENEZIA  – dal  20 AL 31 Gennaio 2017 mostra collettiva e /o personale  
durante in famoso  CARNEVALE 
VENEZIA – da Maggio a Ottobre 2018 – mostre collettive e personali in concomitanza 
alla BIENNALE DI ARCHITETTURA 
Milano – dal 07 al 17 Aprile 2018 mostre collettive e personali in concomitanza
art week 
Londra – Giugno 2018  ( date da definire ) mostre collettive e personali
Roma – settembre 2018 ( date da definire ) mostre collettive e personali
Fiera Miami – dicembre 2018 ( date da definire ) mostre collettive e personali
VENEZIA – BIENNALE D’Arte 2019 mostre collettive e personali
MOSCA – 2019mostre collettive e personali
 
La Galleria Seleziona Artisti per la Permanenza nella sede di Torino 
 
RICHIEDERE I BANDI SPECIFICI VIA MAIL inserendo nell’oggetto le mostre di interesse . 
 
DANIELA ACCORSI
daccor@hotmail.it
accorsiarte@gmail.com 
 
 
 
 
————————————————————————————————-
 
 
 
 
 
 
 
 
ACCORSIARTE METTE A DISPOSIZIONE DI CHI VOLESSE PARTECIPARE ALLA BIENNALE DI ARCHITETTURA A VENEZIA IL PROPRIO SPAZIO PRIVATO A CINQUANTA METRI DALL’ ARSENALE , LO SPAZIO A DISPOSIZIONE PREVEDE TRE VETRINE SU STRADA IN CALLE DEI FORNI
 
accorsiarte@gmail.com
 
—————————————————————————————————
 
 
 
 

La AccorsiArte ringrazia  tutti gli Artisti che hanno partecipato alla mostra concorso Venezia – Torino 2017 . Lo staff è lieto di  comunicare di seguito  i nomi dei  vincitori fra i partecipanti che sono stati scelti per Bellezza ,Tecnica ,Originalità e Innovazione da un comitato scientifico creato appositamente per l’evento.

Primo premio LORENA TOTOLO

Secondo premio VINCENZO MESSINA

Terzo premio a pari merito  ANTONIO MANCINI  e FABIO BRAMBILLA

Quarto premio MANUELA SCANNAVINI

PREMI :

Nella classifica il Primo Artista premiato avrà diritto ad un Anno di permanenza con una opera

esposta , sostituibile nel corso del periodo presso la Galleria Accorsiarte di Torino.

Il Secondo Artista premiato avrà diritto a Sei mesi di permanenza con una opera esposta, sostituibile nel corso del periodo.

Il Terzo Artista premiato avrà diritto a Tre mesi di esposizione di una propria opera sempre presso la

Galleria Accorsiarte di Torino .

Il Quarto Artista premiato avrà diritto alla critica artistica redatta dalla Dott.sa Accorsi

Grazie mille a tutti ,

Daniela Accorsi

 
 
 
 
 
 
 
 
VUOI  FARE  UNA  MOSTRA  A 
 
LONDRA 
DUBAI 
MILANO 
TORINO 
VENEZIA 
ROMA 
 
CI PENSIAMO NOI 
 
SPAZI ACCORSI ARTE 
 
contattaci , organizziamo una mostra su misura per te 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 ————————————————————————————————–
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
MAXO DELLA ROCCA
Biennale di Venezia 2017
Opera esposta sul CANAL GRANDE –  Porta d’Acqua San Stae
 

IMG_4012

IMG_3733

 

 

 

 

 

 

 

 

La porta d'acqua era uno dei primi ingressi della facciata di un palazzo a Venezia che si raggiungeva 
con le imbarcazioni.
E' fra le poche opere in vista sul Canal Grande a Venezia che possiamo ammirare in occasione 
della 57° Biennale d'Arte , una grande mano in bronzo di Maxo della Rocca dal titolo Fatum.
Posta sulla porta d'acqua dello storico  palazzo Priuli Bon a Campo San Stae nello spazio 
gestito per l'occasione da AccorsiArte ,
l'imponente e suggestiva mano scolpita, spiega l'Artista ,  nell'azione di disegnare 
il destino di ognuno di noi ma non nella fatalità degli eventi bensì come compito.. 
da assolvere, qualunque esso sia .
Maxo artista apprezzatissimo ha al suo attivo molte mostre e presenze in Italia 
sua patria e all'estero. 

The water door was one of the first entrances of a palace’s front in Venice, which could have been reached by boat.

Among the few artworks, exposed to the view of the Canal Grande in Venice, that we can admire during the 2017 Art Biennal, there is a big bronze hand called Fatum made by the sculptor Maxo della Rocca, placed on the water door of Priuli Bon palace at San Stae in the Accorsiarte’s space.

“The massive and suggestive statue”, the artist explains “is sculpted in the action of drawing our destiny, not in the fatality of the events, but as a task to accomplish, whatever it may be.”

Maxo, a very appreciated artist, has a lot of expositions and attendances in Italy, his homeland, and also abroad.

 
 AccorsiArte
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CENSIMENTO ARTISTI
 
 

Il Censimento AccorsiArte offre a tutti gli artisti la possibilità di apparire, in modo gratuito, al pubblico.

Perché ogni artista deve poter essere visibile e riconosciuto, alla critica e agli amanti dell’arte.

Iscriviti adesso

https://onlinedesigneu.wixsite.com/accorsiarte

 
 
 
 
 
LONDRA 
 
 

La Galleria AccorsiArte di Torino in collaborazione con Le Dame di Londra daranno luogo ad un’epoca artistica che vedrà la permanenza di autori  italiani a Londra .

Dopo una attenta e rigorosa pianificazione basata sulla ricerca dei luoghi migliori al mondo per esporre l’arte contemporanea , AccorsiArte approda a Londra con  eccezionali talenti delle pittura e della scultura , artisti di chiara e autentica fama e di sicuro successo presso l’elegantissimo Melia  , Regent’s Park dal mese di Agosto 2017
 
 
ARTISTI IN PERMANENZA 
 
MAXO DELLA ROCCA   – ANTONELLA AVATANEO – ALDO BASILI – ANNA BERTUZZI – PIERA BESSONE  –  ALESSANDRO CINARDO – PIETRO DARESTA – STEFANO GALLI –   MELUGI ( Luciano Meraviglia ) – FRANCESCA PALTERA – PAOLO PERELLI  – 
MASSIMO ROMANO  – STEFANO TORRIELLI
 
 

AccorsiArte at Meliá White House

www.accorsiarte.com

1 Albany ST, Regent’s Park, London  NW13UP

Tel 0044 (0) 7947653530

Opening times:

Monday to Friday 10am to 6pm

Saturday 12am to 6pm – Sunday by appointment only

 
 
———————————————————————————————————
La completezza nella scultura e nell’arte di
Maxo della Rocca:
il linguaggio si fa materia per apportarci significanti
e visioni iperreali
 

 
Articolo di Alessandro Rizzo

Immagine

 

Immagine

   Chi è autodidatta può apportare con se una valenza incisiva nel definire una produzione artistica scevra da condizionamenti accademici e da necessarie citazioni di figure del passato, rendendosi autonomo e riconoscibile nel proprio tratto, nella propria capacità compositiva, nella propria poetica. Maxo della Rocca, Massimo Canato, nasce a San Maurizio Canavese (TO), e vede già nei primi anni di vita una propensione per l’arte visiva in tutti i suoi aspetti: sperimentazione e crescita lo portano, cosi, a elaborare messaggi estetici unici attraverso la pittura e la scultura, soffermandosi con grande attenzione su quest’ultima. L’impatto che la scultura di Maxo può dare è quello certamente di un genere appartenente a un figurativo classico, almeno così le sue prime opere, ma non una ripetizione pedissequa dello stile dei grandi autori italiani, quali, per esempio, Michelangelo e Bernini, i maggiori che verrebbero evocati da un approccio superficiale con le opere di Maxo, di certo espressioni di una letteratura artistica che trova nella sapienza dello scalpello il proprio tratto indistinguibile, utilizzando la materia come parte integrante di una ricerca e di una visione interiore dell’artista che va a scandagliare, scoprire possiamo dire, definendo e creando, la figura.Non inoltriamoci nel solito dilemma che si pone davanti a opere scultoree, ossia se la figura realizzata sia stata elaborata, pensata, all’atto dello scolpire o fosse innata, già presente, nella materia grezza stessa, marmorea o petrosa, Maxo lavora con entrambi i materiali: il figurativo classico di Maxo non vuole essere inno semplice a un mero neoclassicismo, ma vuole narrare un divino che si fa umano, allegoria di condizioni di vita quotidiana, di sentimenti e di sensazioni che sono proprie del mondo finito, pur evocando immagini e protagonisti di un’epica e di una mitologia antica quanto sovrannaturale, immortale, universale, mistica e spirituale. Il marmo diventa plastico, dinamico, affida una certa vitalità ed energia all’immagine impressa, quel volto di Dio, che si arricchisce di dettagli anatomici, che descrivono in modo inconfondibile, testimonianza dell’abilità e della confidenza dell’autore non solo con la materia, che non permette e ammette errori di composizione, ma anche con la sua mano che va a scoprire, realizzandola, la figura che gradualmente va a prendere forma.Dio diventa umano, volto quasi preoccupato, attento e molto premuroso, inflessibile nel suo sguardo, impenetrabile e, soprattutto, giudice impassibile, incorruttibile ed equo, una sintesi di significanti che si realizzano, e che si materializzano, in una scultura. Ego amor sum, un’altra scultura, ci porta a contemplare in una valenza di sensualità e di plasticità attraente quanto coinvolgente, donando attraverso delicate linee scolpite come texture reali e tangibili, leggeri solchi che si ripetono in modo seriale descrivendone la superficie della monumentalità mastodontica e massiccia del petto e del torso, rievocando sculture di atleti dell’Antica Grecia, quasi un lanciatore di discobolo, i giochi che si realizzano con la luce, l’illuminazione, fonti reali e naturali che donano una struttura e un volume all’opera, mai statica, sempre mobile, sia per le varie angolazioni attraverso cui poterla osservare, sia per la sua struttura complessiva. La texture, che ci dona quasi una sensazione di non diretta trasparenza della materia scolpita, quasi fosse avvolta da una patina indefinita, viene totalmente non considerata in altre opere, soprattutto in quelle realizzate con la pietra: una piastra su cui andare e delineare un’immagine in rilievo, una presenza figurativa che sobbalza dal fondo, sprigionandosi dal suo involucro per, poi, prendere vita. Anatomo è un’opera che appartiene al figurativo classico, chiamando lo spettatore a un’immancabile contemplazione di una fisicità convincente quanto ponderata, realizzazione di un’opera in cui prevale il dettaglio e il particolare dei lineamenti anatomici, di quei fasci muscolari che, insieme, danno concretezza e tangibilità alla scultura, in una dimensione cromatica naturale, quella della pietra, quindi più scura e, pertanto, densa di quella portata concettuale che promana da una visione reale e materica.Si passa, così, a indagare la proposta artistica di Maxo attraverso quella si fa, pertanto, contenuto, messaggio metatestuale da invenire attraverso la prevalenza della forma che semplice contemplazione e osservazione dell’opera. Maxo va, cosi, a fondare, pensare, ipotizzare un movimento poetico compositivo della scultura che può essere definito, cosi come lui stesso lo considera, “suturismo”Il termine non nasce senza una base analitica della produzione che Maxo va a delineare attraverso non solo il suo scalpello ma, soprattutto, attraverso la materia, il marmo a lui molto caro, quello di Carrara, suggestivo quanto prezioso come patrimonio naturale: la geometria, parlavamo delle forme come codici estetici ricchi di un metalinguaggio, diventa alfabeto di una narrazione di simboli e di cifrari utili a indagare, l’autore chiama in causa lo spettatore, quasi lo interpella, in un’ipotesi di lavoro e di collaborazione, che va oltre alla dimensione del puro apprezzamento visivo: questo per il semplice fatto che il puro apprezzamento visivo e contemplativo non soddisfa le domande e le questioni che andiamo a porci in totale naturalezza difronte alla visione dell’opera stessa. Maxo richiede uno sforzo interpretativo necessario quanto inevitabile: è quello sforzo interpretativo che ci addentra nei significanti concettuali intrisi di esperienza e di empirismo, di realtà e di ambiente che circonda, influisce sull’uomo, lo rende parte integrante e indefettibile, quasi costringendolo in quelle convenzioni e in quelle regole etero imposte e che ne determinano l’inevitabile alienazione, estraniazione dal se, dalla propria genuina natura e volontà.

Maxo lavora anche con materiali quali metalli, accertando, ancora una volta, e confermandoci, la sapienza tecnica che si evidenzia dietro la sua produzione: vediamo, così, creare opere quali Ergastolo della mente, abbastanza evocativo nella sua portata, una testa in cui viene tenuto nel proprio interno, quasi fosse un recipiente, una catena, simbolo di frustrante condizione dell’essere umano di soggezione e di chiusura, di imprigionamento negli schemi predefiniti e imposti; oppure, maggiormente concettuale nella sua portata artistica, Eugenetica, un incastro, lo si vede dalla presenza descrittiva delle manopole e delle viti a lato dell’opera, marmo scuro di Carrara, che ci porta a fantasticare concettualmente, il genere è un figurativo fantastico puro, sul concetto di perfezione riportando alla memoria quegli innesti volti alla perfezione biologica realizzati al momento della nascita e del concepimento, la donna incinta si evidenzia nella sua portata plastica, forgiando e ostentando la propria maternità e, pertanto, anche la propria femminilità, totale e tradizionale, quasi giunonica, prosperosa. Maxo afferma una certa destrezza nel saper passare con la materia dal marmo alla pietra, al metallo, all’acciaio: è quella confidenza che celebra un rapporto simpatetico, di forte sinergia ed empatia, con la stessa e lo porta, cosi, a interpretarne quelle valenze che essa contiene e possiede, realizzando con destrezza e sapienza la scultura nella sua portata. 

Alessandro Rizzo
 
———————————————————————————————
A questo link lo speciale sulla mostra a cura di Emarat TV che è stato inviato in onda il giorno 7 dicembre scorso (reportage al minuto 24.30″)
 
Italian Art Fai
 

 

TEBE1

 

ACCORSIARTE

                                                                                 INAUGURA 

                          GIACOMO MANZU’ – EMILIO GRECO – MAXO DELLA ROCCA

Sabato 24 Ottobre  2015 

dalle ore 18.00

Mostra d’Arte Moderna e Contemporanea 

TORINO

Via Fratelli Calandra 9

24-06  Ottobre 2015

 

La  Galleria AccorsiArte  presenta  l’importante mostra degli artisti Giacomo Manzù ed Emilio Greco scultori, autori di un pezzo della storia dell’arte del novecento ,le  magnifiche opere in bronzo uniche  e rappresentative nel loro stile ed epoca saranno esposte al pubblico con libero ingresso, opere eccezionali che hanno interessato le critiche nazionali ed internazionali, rendendo gli autori dei Giganti dell’Arte per sempre. la mostra inoltre vedrà presenti  opere scultoree di Maxo della rocca autore di complesse e raffinate sculture  in Marmo, pietra e bronzo,Artista eclettico di gusto classicista, opera da oltre trentanni spaziando anche nel concettuale..

La Galleria AccorsiArte è lieta inoltre  di presentare al pubblico  di Torino i propri Artisti che potrete trovare  in esposizione permanente , Artisti professionisti di chiara fama ed emergenti,  Maestri dell’Arte moderna e contemporanea come :

  SALVATORE FIUME – ITALO GILARDI- COLOMBOTTO ROSSO – MAXO DELLA ROCCA – MARIO SCHIFANO – ABACUC –  CARMELO LIZZIO  – HORIKI KATSUTOMI – ROSANNA BONAVIA  – STEFANO GALLI – ALDO BASILI  – CARLO CAMMAROTA – MARIA TRASMONDI  -MARIA LUISA ACCIAIOLI –  ANNA RITA BISIO e ENRICA BRUGO –ALESSANDRO CINARDO – MICAELA CALLIERO –  STEFANIA BORRELLO – STEFANO TORRIELLI – LUCIANO MERAVIGLIA -MARIA GIACHETTI – GIANNI DE SIMONE – MASSIMO ROMANO –MARIA CRISTINA PISIGNANO -STEFANIA D’ELIA – ANDREA LABONTE –PAOLO REMONDINI -PAOLO DURANDETTO –

 

Per Informazioni

AccorsiArte

mail . accorsiarte@gmail.com

tel. 0039 3420929640

www.accorsiarte.com

 

——————————————————————————————————-

                            

https://youtu.be/ikXj1XKPHRQ

Il Calendario Mnemonico

visita la pagina

 

 

 

———————————————————————————————————

 

 

DCIM100MEDIA

 

TELEFONO PER DIO 

TELEPHONE FOR GOD

Telefono per DIO , è così che l’Artista Maxo della Rocca ci propone una sensazionale opera di concetto religioso , per chi adopera la preghiera cercando di rivolgersi a Dio in un metodo del tutto moderno e provocatorio,
sperando in un possibile squillo Celeste ,
oppure offrendo in maniera diretta al Padre Eterno il tecnologico mezzo di comunicazione a noi oggi più comune ,
o ancora ,
una sorta di Totem da venerare come strumento che rende come telepatici gli individui nel mondo .
Insomma ! Non ci si ferma neanche davanti a DIO.

Maxo della Rocca artista che nasce a San Maurizio Canavese nel 1968 con lunga esperienza della scultura figurativa in marmo è già da tempo che dedica spazio e attenzione ad opere concettuali in una versione contemporanea e d’avanguardia.
E’ oggi presente all’interno della galleria AccorsiArte con questa sua ultima opera, che fa già discutere e pensare

———————————————————————————————————

La Galleria AccorsiArte per offrire una maggiore possibilità di acquisto , offre al pubblico la possibilità di visionare e acquistare le opere direttamente da casa, online o telefonicamente attraverso il catalogo online sul sito della Galleria www.accorsiarte.com

Il pubblico potrà usufruire di una vastissima gamma di oggetti d’Arte pronti a soddisfare ogni esigenza di stile e prezzo .
Opere di grandissimo prestigio , bellezza ed eleganza., non che di note firme dell’arte d’avanguardia contemporanea e di opere classiche .

La Galleria offre sculture di bronzo di altissimo livello qualitativo, sculture in legno , marmo e pietra , oggettistica varia, riproduzioni di opere antiche greco – romane , dipinti di genere classico e contemporaneo di grande effetto e di straordinario arredamento.
Splendide ceramiche e opere di importanti firme .
Fotografie, stampe e incisioni a prezzi concorrenziali ecc..
Vi attendiamo numerosi anche in occasione della mostra collettiva in corso di eccezionali artisti .

AccorsiArte
Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea
Via Fratelli Calandra n. 9 – Torino
accorsiarte@gmail.com
3420929640

Orari di apertura Dicembre 2013
Dal Martedì alla Domenica
Ore 10.30 – 13.30 / 15.30 – 19.30

———————————————————————————————————
soldato

 

 

La Galleria AccorsiArte è in grado di proporvi una seria opportunità di investimento , ha in sede un soldato in bronzo di dimensione monumentale, si tratta di uno dei trentadue elementi che compongono il monumento voluto da Gheddafi che non ha mai raggiunto la destinazione , per le ovvie e conosciute ragioni .
E’ ora possibile all’interno della Galleria AccorsiArte visitare il soldato in corsa e il bozzetto preparatorio dell’insieme , entrambe in vendita ad un prezzo di sicuro e certo investimento .
Certi dell’intento è consigliabile da parte nostra affrettare chi fosse interessato , perché si aggiudichi un oggetto da Museo nella propria casa.
Vi aspettiamo

AccorsiArte

Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea
Via Fratelli Calandra n. 9 – Torino
accorsiarte@gmail.com
3420929640

Orari di apertura Dicembre 2013
Dal Martedì alla Domenica
Ore 10.30 – 13.30 / 15.30 – 19.30

 

————————————————————————————————————————————————

 

 

 

 

OMADA marmo bianco di carrara 2007 cm.70x50x50

1

 

4

658723

 

 

 

 

———————————————————————————————————————-

 

RENOIR- FONTANA – CHAGALL- da ACCORSIARTE

Amedeo Modigliani ,Renoir , Lucio Fontana , Chagall, Manzù, Mondrian , Goncharova ,Emilio Greco.

Sono alcuni dei nomi che la Galleria AccorsiArte propone in vendita, Opere museali di eccellenza e rarità, su appuntamento ogni opera è possibile visionarla presso la Galleria .

 

 

 

 

 

 

 

Figura-accoccolata-n-6-1983-bronzo-Archivi-Emilio-Greco-Roma

GIACOMO MANZU’ – EMILIO GRECO – SALVATORE FIUME presentati dalla Galleria AccorsiArte

La Galleria AccorsiArte ospita nei suoi prestigiosi spazi alcune fra le magnifiche opere di GIACOMO MANZU’ ( artista italiano Bergamo 1908 – Roma 1991 ) , Artista di fama internazionale , scultore del XX secolo presente nei musei di tutto il mondo.
La Galleria è disponibile ad offrire la visibilità di alcune delle storiche sculture del maestro non che le prestigiose e particolari opere di EMILIO GRECO ( artista italiano Catania 1913 – Roma 1995 ) altro Artista scultore di fama mondiale che occupa prestigiosissimi Musei con i suoi seducenti bronzi.
All’interno della Galleria vi è un esempio in pezzo unico , scultura bronzea , la cui matrice in gesso è custodita nel Museo di Orvieto.
Sono presenti inoltre importanti opere marmoree , per la loro unicità , del maestro SALVATORE FIUME pittore-scultore ( artista italiano Comiso 1915 – Milano 1997 ) e altri artisti professionisti emergenti.
Le opere dei Maestri sono visionabili su prenotazione al numero 3420929640.

AccorsiArte
Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea greco foto
Via Fratelli Calandra n. 9
Torino
www.accorsiarte.com

 

 

—————————————————————————————————————————————————–

 

 

 

 

 

 

—————————————————————————————————————————————————-

 

—————————————————————————————————————————————————

INSIEME POSSIAMO COSTRUIRE

Maxo della Rocca

——————————————————————————————————————————————

 

 

La Galleria oltre ad una vasta scelta  di Arte Contemporanea, propone opere pittoriche del 1800 di grande livello qualitativo.

 

——————————————————————————————————————————————-

 

 

la Galleria  propone fra le molte possibilità di acquisto Riproduzioni su marmo di opere d’arte antiche , eseguite come da antica tradizione e oggetti d’arte antichi.
LA LEGGEREZZA DELLA SCULTURA      –    VII Edizione 2012          Parco dell’ Arte – Cerrina ( Al )                  29 settembre 2012 – 12 novembre 2012                                                                                                                                               Dodici Maestri della scultura si affiancano nella bellezza della natura del Monferrato,  che presenta il Parco dell’Arte, tra questi l’artsita di punta della Galleria AccorsiArte, Maxo della Rocca, eccelso nella tecnica scultorea del marmo, così come gli antichi facevano e sublime incantatore della psiche umana attraverso temi di umano dominio.

 

 

Be Sociable, Share!

17 risposte a NEWS

  • Harley scrive:

    I don’t leave a lot of comments on lots of blogs but i felt i needed to here.

    Quality articles you’ve got here.

  • VASCONCELOS, José Antonio. História: texto e contexto.

  • Parque também é muito procurado para caminhadas.

  • Hello everyone, it’s my first visit at this web site, and piece of writing is really fruitful for me, keep up posting such articles or reviews.

  • valor hyperbody scrive:

    HyperBody ajuda justamente nessa deficiência,
    ajudando seu corpo a gerar hormônios que causam aumento muscular. http://lorenzojzkvf.designertoblog.com/3541257/o-maior-guia-para-hyperbody-pre-o

  • Erika scrive:

    Thank you, I’ve just been searching for information approximately this topic for a long time and yours is the greatest I have came upon so far.
    However, what concerning the bottom line? Are you sure in regards to the supply?

  • Luella scrive:

    Ꮋelⅼo, Neat post. There iis ɑn issue wit your web site іn internet explorer, mіght test thiѕ?
    IE nonetһeless іs the market chief aand a һuge part of folks will leave ouut your magnificent writing
    dᥙe to tһіs pгoblem.

  • Its not my first time to visit this website, i am browsing this web page dailly and get fastidious
    information from here daily.

  • GREAT POST! CONGRATULATIONS!

  • BILBAOCERRAJERO scrive:

    GREAT POST! and good job, fantastic!

  • thanks for the post!

  • https://Fishingquick.com/wow-gold-guide-wod-6-1-fishing-easily-make-tons-Of-gold
    The Arduino Countdown Timer is a fun weekend project for beginners who wants to move on to something slightly
    more advanced. The timer controls two 7 segment displays which count down from
    99 to 0, and can be stopped and started using a button. When the
    timer reaches 0, the display flashes and a buzzer beeps.

    led screen Flat Panel TV Backlighting Every LED and LCD flat panel TV uses an LCD panel to create the image.
    Where they differ is in the backlighting technology
    that they use to illuminate their screens. LED TVs use an array of LEDs either arranged behind the screen or, in “edge lit” sets,
    along its edge. led screen

    4k led display This Polish doughnut is popularly known as the sweet treat of Fat Tuesday, but in Hamtramck, a largely
    Polish town outside Detroit, the devotion to paczki pronounced is taken to
    a new level. Lines form out the door from the wee hours for these decadent doughnuts traditionally stuffed with rose hip or stewed plum
    jam. Some of the well known paczki bakeries, like the New Palace Bakery, have introduced their own variations, such as Strawberry and Chocolate, filled with strawberry glaze and milk chocolate drizzle,
    and the Red, White and Blue, with creamy custard, strawberries and blueberries..
    4k led display

    small led display Enjoy Melbourne’s annual drive thru light show, with more than 3 million holiday lights.
    You can also book private hayrides, carriage rides and holiday parties on the website.
    A beer garden hosted by the Dog Bone and live music by “Fun Decided” on Saturday and “Deluxe Mojo” on Sunday at the Gazebo..
    small led display

    led display For picking, the head unit. It is designed for speed,
    affordability and ease.Comments and Opinion 17 October 1996Immunological toolbox.,
    automated cleaning, dual pumps for on line fluids, and.
    A printer interface for easier quality control and record.
    led display

    outdoor led display LED Amplifiers/Repeaters are sometimes called
    RGB amps. Don’t let that fool you. They work just as well for single color strips.
    They are fiber artists and weavers. Knitters and sewers. Healers and
    menders. There also is a smart notch feature that lets push a button to filter out certain frequencies.
    This is very handy if you are in area that has a ton of
    false positives. You can notch out different zones based on your discrimination setting and after playing with a
    little bit you will be able to see how truly wonderful this feature is..
    outdoor led display

    led billboard Not a great example, the G and D came close
    and I decided to leave both of them uncut when measuring the nut blank on the guitar.
    I should have cut in 0.16 mm on the G string. Every
    guitar have small variations of the intonation points. For electronics giant Philips, the bus stop is due a radical overhaul.
    Instead of buses sticking to the same old route every day,
    why can they adapt according to their passengers
    needs, asked the company designer Cheaw
    Hwei Low, who is based in their Singapore design studio.
    Why can bus stops themselves be physically transformed, and move away from the static shelters we are used to seeing on our streets?.

    led billboard

    led display It has been a long standing topic of
    conversation for adults of any era, to evaluate the prospects of the succeeding generations.
    After recent contemplation, I have come to some rather surprising conclusions,
    regarding the subjects of this story. This yearly gathering to celebrate our country’s birth has become a must see for many of my friends and myself.
    led display

    led screen The answer that has been introduced ahead seems to be
    foot pedaled cycles or electric bikes. Nations like France, China and Australia have been promoting these
    battery powered bikes for a lengthy time. The Environmental Transportation Association, for a small annually
    charge can be known as to the roadside to get you heading once more.

    led screen

    small led display Never heard of Electric Imp? It’s pretty
    neat. “The Imp” is a tiny wifi connected microcontroller packed
    up in the same form factor as an SD card. It’s really easy to build imp powered things, and once it’s built you can connect your device to any wifi network and interact with it from anywhere in the
    world.Step 1: Emma Schematic OverviewSince Emma is a public domain reference
    design, anyone can take the schematics, gerber files, or bill of
    materials (BOM) and use them to order everything needed to build more Emmas small led display.

  • thanks for the post!

  • BUEN POST! GRACIAS. Somos un batallón entero de técnicos, profesionales y capacitados ampliamente y con una clara experiencia en este sector.

  • Enjoy playing slot machine games on your mobile.

  • Dorthy scrive:

    Ηi this is somewhat of оff topic bսt I ᴡas ᴡanting tο knoᴡ
    if blogs use WYSIWYG editors ߋr if you haᴠe to manually code wioth
    HTML. Ӏ’m starting a blog soon bᥙt hacе
    no coding expertise so I wannted to ɡеt advice frоm someone
    wіth experience. Any help ԝould Ьe gгeatly appreciated!

  • Norma scrive:

    Norma
    The Amanda Show is an American live action sketch comedy and variety
    show created by Dan Schneider that aired on Nickelodeon on April 4, 1999 as
    a pilot[citation needed], then as a regular series from October 16, 1999 to September 21, 2002.
    It starred Amanda Bynes, Drake Bell and Nancy Sullivan, and featured John Kassir, Raquel Lee, and
    Josh Peck. The show was a spin off from All That, in which Bynes had co starred for several years.

    cheap wigs human hair Reddit is no longer a marketplace of
    ideas. Subreddits are communities. If you go into my community
    to say racist shit at the courthouse, what happens?

    You get counter protesters using their free speech to tell you that you are full of shit.
    From the ornate costumes, wigs and hair dos of the European courts to the relative simplicity of the Napoleonic era,
    called the Federalist period in the USA, and commonly known by
    many women as the age of Jane Austen in England (the Regency Era).
    The ringlet became simpler than Antoinette’s elaborate styles, but was still extremely popular.
    Women wore them across their foreheads, in front
    of their ears, across the back of their necks
    under a bun, or a ponytail made of nothing but long ringlets!.
    cheap wigs human hair

    wigs for women The 116th FBG with the 158th and 159th FBS’s departed from San Diego on the transport aircraft
    carrier USS Windham Bay on 12 July, white the 196th FBS had preceded them by two days on the
    USS Bay. The USAF, having learned from the expensive previous experience with open air transportation of the F
    84 on an aircraft carrier deck, heavily protected
    their F 84s this time with cosmoline and tarpaulins. The Wing off loaded
    at Yokosuka Naval Base, Japan between 24 27 July, with their aircraft
    being barged to Kisarazu, Japan for cleaning and preparation for flight.
    wigs for women

    wigs for women I don live in the UK, but know a thing or two about how economy works.
    Many social schemes start with a lot of promise.
    The money runs out very quickly to provision the that look too good.
    Maloney. They had two daughters, Anne Kathleen Lockhart (born 1953) and
    June Elizabeth Maloney (born 1956). The couple divorced in 1959.[10] She married architect John Lindsay that same year, but they divorced in October 1970[11] and she
    has not remarried since.. wigs for women

    hair extensions Si bien aceptaba sus comentarios para no caer en controversias, dentro de
    m no caba la idea de echarlos a un refugio o, peor an, a la
    calle. Despus de todo, ellos tambin eran “mis nios”.

    As que al tener a mi beb en mis brazos, me di a la tarea de inculcarle el amor y el respeto por los animales y a que creciera vindolos como parte de la familia.

    hair extensions

    Lace Wigs After all the parts are drawn, print the drawings
    to 1:1 scale. Next, attach the drawings to cardboard using tape.
    Cut the cardboard along the drawing lines with a case cutter, utility knife, or X
    acto knife.NOTE: Dusty’s front and side cockpit windows are cut
    out of the cockpit cardboard piece. Lace Wigs

    cheap wigs The marketing plan shows what the company
    is intended to accomplish within the budget and also to make it
    possible for company executives to assess potential return on the investment of marketing dollars.
    Different aspects of the marketing plan relate to accountability.[4] The marketing plan is a
    general responsibility from company leaders and the marketing staff
    to take the company in a specific direction. After the strategies are laid out and the tasks
    are developed, each task is assigned to a person or a team for implementation. cheap wigs

    wigs German culture was dominant among the clergy and nobility; Danish had
    a lower social status and was spoken mainly
    by the rural population. For centuries, while the rule of the king was absolute, these conditions had created few tensions.
    When egalitarian ideas spread and nationalist currents
    emerged about 1820, identification was mixed between Danish and German..
    wigs

    costume wigs In 1968, Buck Owens and the Buckaroos recorded a
    live album when they performed at the White House for President Lyndon Johnson. They served as the house band for the American television variety show Hee Haw, and for Owens’
    syndicated television show, Buck Owens Ranch
    House, from 1966 to 1972.[7] Holly was nominated
    several times as “Bass Player of the Year” award from the Academy of Country Music, and he received the award in 1970.[8]In 1971, Holly left the Buckaroos, stating, “(I) went just as far as I could go” with the Buckaroos.[2] He formed a band called the Vanishing Breed and signed with Andy Williams’ label Records.[3] He
    recorded two albums and some of his own songs, such as “Woman Truck Drivin’ Fool”, “Queen of the Silver Dollar”,
    and “Lila”.[7] Seven singles hit the country music
    charts, of which “Lila” made the most successful
    peak at No. In 1973.[2] Holly continued to record and release singles throughout the 1970s and scored a minor hit with “A Rainbow in My Hand” and a jukebox hit
    “Richard and the Cadillac Kings.”[9] Holly is honored in the Rockabilly Hall of Fame[9] and received a block in the Walkway of Stars at the Country Music Hall of
    Fame in 1980.[10] costume wigs.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe to our newsletter

You will receive an email with the confirmation link (check your spam folder if NOT)
Sendit Wordpress newsletter
Sendit Wordpress newsletter